Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

IL PUNTO DEL DIRETTORE

Il dovere di guardare l'orrore

Di fronte alle autentiche atrocità della guerra gli occhi non bisogna chiuderli, ma sgranarli, perché solo la consapevolezza dell’orrore può spingerci a dire basta, a reagire, a mobilitarci sul piano individuale e collettivo

Marco Bencivenga

Email:

mbencivenga@laprovinciacr.it

06 Aprile 2022 - 05:30

Il dovere di guardare l'orrore

Il dibattito sui crimini di guerra commessi dai soldati di Putin in Ucraina si arricchisce ogni giorno di nuovi capitoli e nuovi orrori. Foto, video e testimonianze shock raccontano atrocità talmente spaventose da sembrare inventate. Ed è esattamente qui, in questo momento preciso, che la storia si incrina e a ognuno di noi viene richiesto uno scatto in avanti, un sforzo in più, una reazione contronatura per evitare di cadere nella trappola dell’orrore e della disinformazione.

La nostra mente - si sa - è costruita per rimuovere i dolori più grandi. Addirittura esiste un meccanismo neurologico - la sincope vasovagale - che per difendere cuore e cervello da dolori troppo forti o da insopportabili stress emotivi arriva a metterci in stand by per qualche secondo, letteralmente ci fa svenire o perdere conoscenza. È un prezioso sistema di autodifesa dell’organismo, lo stesso istinto che ci spinge a coprirci gli occhi se - mentre guardiamo un film alla tv - appare una scena troppo cruda o di eccessiva violenza. Siamo comodamente seduti sul divano di casa, sappiamo che si tratta di una finzione - che non vediamo sangue vero, ma solo un liquido rosso creato dal mago degli effetti speciali (un tempo bastava il pomodoro…) - eppure distogliamo lo sguardo.

Nel mondo di cartapesta ci sta, anche se vien da chiedersi quale assuefazione finiscano per produrre alla lunga quelle inutili e violentissime scene sulla nostra psiche e - ancor più - su quella dei nostri figli; le cose cambiano quando dal cinema si passa alla realtà.

Di fronte alle autentiche atrocità della guerra gli occhi non bisogna chiuderli, ma sgranarli, perché solo la consapevolezza dell’orrore può spingerci a dire basta, a reagire, a mobilitarci sul piano individuale e collettivo. Altrimenti, la rimozione della verità non è più una legittima forma di autodifesa, ma diventa vigliaccheria, omissione di soccorso, codarda fuga dalla realtà. 

Un po’ quello che successe nel ventesimo secolo con l’Olocausto: possibile che nessuno vedesse o sapesse?

Un po’ quello che successe nel ventesimo secolo con l’Olocausto: possibile che nessuno vedesse o sapesse? Possibile che nessuno si chiedesse che fine facessero tutte quelle persone caricate nei vagoni di un treno diretto in una sola direzione, sempre e soltanto verso i campi di concentramento e mai verso l’uscita o la libertà? Certo, la razionalità impedisce di pensare che si possa davvero pianificare di sterminare un intero popolo nelle camere a gas, ma la storia dimostra che l’impossibile… è successo!

Così come in tempi più recenti è successo davvero che un gruppo di terroristi dirottasse due aerei dì linea e li lanciasse come proiettili contro i grattacieli più alti del mondo, fino a farli crollare in un inferno di polvere e di cristallo. Purtroppo, il Male non ha limiti, sa andare oltre ogni umana immaginazione. Il dovere del Bene è respingere le sue narrazioni di comodo, la propaganda di chi vorrebbe spostare la responsabilità dei fatti dai carnefici alle vittime.

Le cause della crisi ucraina sono molteplici, a monte di un conflitto la ragione non è mai da una parte sola, ma su chi sta sbagliando a Mariupol, a Kharkiv e a Bucha (una città grande come Crema diventata cimitero a cielo aperto) non ci sono dubbi. Non possono esserci. Né si può voltare lo sguardo e fingere di non sapere. Non lo può fare l’Europa, non lo può fare l’America, non lo possono fare la Cina e gli altri interessati “amici” di Putin. Perché, davvero, c’è un limite a tutto. Business is business, ma non a qualsiasi costo. Per quanto rilevante possa essere, non esiste interesse economico che valga la dignità della razza umana.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400