Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

LA GUERRA DI PUTIN: COMUNITA' MOBILITATE

Ucraina, biscotti solidali: i bimbi pasticcieri raccolgono fondi

All’oratorio San Luigi di Pandino con i ragazzi della catechesi della prima media, in favore dei profughi ucraini

Stefano Sagrestano

Email:

stefano.sagrestano@gmail.com

15 Aprile 2022 - 09:39

Ucraina, biscotti solidali: i bimbi pasticcieri raccolgono fondi

I bimbi pasticceri all'oratorio San Luigi di Pandino

PANDINO - Biscotti solidali in oratorio, preparati dai ragazzi della catechesi della prima media, per raccogliere fondi in favore dei profughi ucraini. L’iniziativa si è tenuta nella cucina del San Luigi. I giovanissimi fedeli si sono rimboccati le maniche e, grembiuli indosso, hanno impastato, dato forma, infornato e confezionato 12 chilogrammi di pasta frolla che sono stati poi distribuiti, a offerta libera, al termine delle messe della domenica delle Palme, officiate in parrocchiale: è stato subito un grande successo, con i sacchetti che sono andati a ruba.

Il confezionamento dei biscotti solidali per raccogliere fondi a favore dei profughi ucraini

«Il loro piccolo ma significativo contributo all’iniziativa di carità che durante questa Quaresima ha visto anche i compagni un poco più grandi preparare e distribuire dei salvadanai nei principali esercizi commerciali del paese – aggiungono i responsabili del San Luigi –: «Frecce di carità» e di «Noi per voi». Due slogan per lo stesso obiettivo: aiutare le popolazioni colpite dalla guerra». I ragazzi di prima media, durante gli incontri di catechesi del mercoledì, avevano parlato dei comandamenti. «Avevano notato che molti dei 10 comandamenti iniziano con un «Non» e questa parola si associa nella nostra mente, spesso, all’idea di una restrizione, di una limitazione della nostra libertà – chiarisce la catechista Giulia Somenzi –: abbiamo perciò voluto sgombrare il campo da questo malinteso di fondo. Ogni comandamento che iniziasse con ‘Non’ è stato riformulato dai ragazzi in modo da risultare in un invito a fare qualcosa, piuttosto che a «non fare» qualcos’altro».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400