Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

LA DIRETTIVA

Bruxelles, stop ai device a scadenza

L’Eurocamera vuole allungare la vita dei dispositivi elettronici e ridurre l’impatto ambientale

Agenzia Ansa news

Email:

redazioneweb@laprovinciacr.it

04 Maggio 2022 - 05:05

Bruxelles, stop ai device a scadenza

STRASBURGO - Dare nuova vita a oggetti e apparecchiature elettroniche allungandone il ciclo di funzionamento e riducendo così costi e consumi, questo l’obiettivo della relazione del Parlamento sul diritto alla riparazione, ovvero il testo che contiene l’indicazione dell’Eurocamera per la direttiva contro l’obsolescenza programmata su cui la Commissione Ue è al al lavoro. Il testo dell’Eurocamera arriva come risposta alle richieste dei cittadini. Secondo un sondaggio distribuito da Eurobarometro infatti il 79% degli europei ritiene che ai produttori dovrebbe essere richiesto di semplificare la riparazione dei dispositivi digitali o la sostituzione delle singole parti e il 77% preferirebbe riparare i propri dispositivi piuttosto che sostituirli. Per gli eurodeputati le nuove norme sul «diritto alla riparazione» dovranno regolare tutto il ciclo produttivo delle apparecchiature, compresa la progettazione, per garantire che sul mercato vadano prodotti che durino più a lungo e possano essere riparati.

Con il contributo del Parlamento europeo

Il testo, approvato dalla commissione dell’Eurocamera per il mercato interno con 41 voti favorevoli, nessuno contrario e 4 astensioni, include anche l’obbligo per i produttori di adottare un sistema di etichettatura pensato per informare meglio i consumatori sulle modalità di manutenzione e riparazione. Secondo la presidente della commissione, l‘eurodeputata verde tedesca Anna Cavazzini «riparare prodotti rotti o danneggiati significa risparmiare denaro, energia e risorse, una pratica più che mai essenziale in un periodo di crisi energetica e di materie prime. Riparare i propri prodotti consente ai consumatori di abbandonare la società dello scarto e di assumere un ruolo attivo nel passaggio a un’economia circolare. L’Ue deve garantire il diritto alla riparazione». Per quanto riguarda i dispositivi digitali il testo specifica che «gli aggiornamenti software devono essere resi disponibili almeno per un certo periodo minimo di tempo» e chiede che i consumatori siano pienamente informati al momento dell’acquisto sulla disponibilità degli aggiornamenti.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400