Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CINEMA.

David di Donatello: sbanca Sorrentino con 'E' stata la mano di Dio'

Sei statuette a 'Freaks Out, bene anche 'Ennio' ed 'Ariaferma'

La Provincia Redazione

Email:

redazioneweb@laprovinciacr.it

04 Maggio 2022 - 07:56

 David di Donatello:  sbanca Sorrentino con  'E' stata la mano di Dio'

Paolo Sorrentino

ROMA - Paolo Sorrentino, con il suo film «E' stata la mano di Dio», sbanca in questa 67/ma edizione dei David di Donatello che si è tenuta ieri sera in diretta su Rai 1 dagli studi di Cinecittà in una serata condotta da Carlo Conti affiancato da Drusilla Foer, portandosi a casa il premio per miglior film, regia, attrice non protagonista Teresa Saponangelo, fotografia e David giovani).

È però il fantasy «Freaks out» ad aver più statuette, ben sei, ma prevalentemente tecniche, contro le cinque di «E' stata la mano di Dio». Ed esattamente il film di Mainetti vince: miglior scenografia, fotografia, produttore, trucco, acconciatura, effetti visivi-vex).

david

Sabrina Ferilli con Carlo Conti e Drusilla Foer

In questa edizione dall'anima partenopea bene anche «Qui rido io» di Mario Martone che si porta a casa il David andato al miglior attore non protagonista, Eduardo Scarpetta, e quello ai costumi.

Il film drammatico ambientato in un carcere «Ariaferma» di Leonardo Costanzo vince invece il David per il miglior attore andato a Silvio Orlando e anche la sceneggiatura originale.

«Ennio», straordinario documentario di Giuseppe Tornatore dedicato a Ennio Morricone, ha ottenuto ben tre David: miglior documentario, suono e montaggio.

Mentre «A Chiara»  di Jonas Carpignano ottiene il premio di miglior attrice protagonista che va a Swamy Rotolo.

A «Diabolik» va invece un solo David, quello della canzone originale a Manuel Agnelli mentre la sceneggiatura non originale, categoria in cui correva anche «Tre piani» di Nanni Moretti, va a «L'arminuta», film diretto da Giuseppe Bonito e tratto dal romanzo bestseller di Donatella Di Pietrantonio.

Infine, sempre nel segno di Napoli, «I fratelli di Filippo» di Sergio Rubini si porta a casa il premio al miglior compositore, Nicola Piovani.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400