Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CREMO IN SERIE A

Sergnano, in dono a Silvana la bandiera della promozione autografata dai protagonisti

Due giorni dopo la vittoria della Cremonese, le era stato rubato lo stendardo esposto alla finestra di casa

La Provincia Redazione

Email:

redazioneweb@laprovinciacr.it

26 Maggio 2022 - 14:38

Sergnano, in dono a Silvana la bandiera della promozione autografata dai protagonisti

Silvana Ambrogi con la bandiera della promozione autografata donata dalla Cremonese

SERGNANO - La bandiera della promozione in Serie A, autografata da tutti i protagonisti della storica cavalcata grigiorossa che ha riportato la Cremonese nel gotha del calcio italiano dopo 26 anni di purgatorio. Un regalo della società, che ha fatto gioire Silvana Ambrogi a cui, due giorni dopo la vittoria promozione della Cremo, era stato rubato lo stendardo esposto alla finestra di casa. La notizia era finita sul giornale. Leggendo della disavventura, giocatori e dirigenti grigiorossi hanno deciso di rimediare.

«Con questo piccolo gesto i ragazzi hanno voluto manifestarle la loro vicinanza e il loro sostegno per lo spiacevole episodio di cui è stata vittima» così recita la breve lettera inviata dalla società, insieme al vessillo ufficiale della promozione. «Una gioia indescrivibile – racconta Ambrogi – io e il mio fidanzato, anch’egli tifosissimo della Cremo, siamo emozionati e vogliamo ringraziare, giocatori, staff tecnico e dirigenti. Quanto hanno fatto dimostra ciò che sappiamo da sempre. La Cremonese è una società ai massimi livelli anche per cuore e umanità. Questa magnifica e gloriosa bandiera resterà per sempre con noi».

Ambrogi e il compagno avevano deciso di celebrare la promozione esponendo alla finestra di casa lo stendardo e la maglia ufficiale del centrocampista Fagioli. La finestra si affaccia su un cortile interno, ma è visibile anche dalla strada e dal vicino locale pubblico. Un bersaglio facile, anche se per arrivare ad agguantare il vessillo bisognava intrufolarsi in una proprietà privata e soprattutto raggiungere la finestra al primo piano. La bandiera, fissata con un nastro adesivo di quelli resistenti, era stata strappata in piena notte. Un dispetto dettato forse da ragioni legate al tifo. La coppia non aveva nemmeno sporto denuncia.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400