Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

3 MINUTI 1 LIBRO

Quel pallone da calcio che parla alle nuove generazioni

Mario Caccialanza, gloria del calcio provinciale, ha pubblicato un romanzo sui valori dello sport più popolare al mondo

Paolo Gualandris

Email:

pgualandris@laprovinciacr.it

01 Dicembre 2021 - 05:30

CREMA - «I ragazzi devono prima crescere nei valori importanti della vita e, se hanno la fortuna di avere delle qualità, sfruttarle per arrivare in alto. Se ai giocatori danno tanti soldi non è colpa dei giocatori, è perché il business in questo momento è fatto così». Parola di Mario Caccialanza. Non uno qualsiasi, ma un personaggione del calcio locale. Ex portiere e attuale allenatore della scuola calcio dell’Alba Crema, è nella top 11  della storia del calcio provinciale. Classe 1950, era l’estremo difensore della mitica Soresinese del 1976 che, dopo vittoria della Coppa Italia e il successo estivo (2-1) nell’amichevole contro il Milan di Marchioro, celebrò il triplete conquistando  il Trofeo Barassi, la Coppa anglo-italiana dei dilettanti. Nessun club della Penisola aveva mai inciso il proprio nome nell’albo d’oro della manifestazione. I rossoblù tornarono dalla trasferta in Inghilterra, nella tana del Tilbury, con un pareggio sofferto dopo 90 minuti di catenaccio; al ritorno, altro 1-1 a Soresina sotto un diluvio epico e festa ai rigori grazie alle parate di Caccialanza, che però non si limitò a fare bene il suo mestiere, ma fu anche rigorista con successo. La consegna del trofeo venne effettuata dal leggendario Artemio Franchi in persona, presidente Uefa, davanti a 2.500 soresinesi in delirio. Momenti eterni.


Caccialanza ha due amori: il calcio giovanile e la scrittura. È appena uscito con il romanzo «Fede,  Vale e sua maestà il pallone da calcio».  Il protagonista  è un Pallone da calcio molto  particolare. Spiega: «L’idea è nata dal fatto che parlano tutti di giocatori, di allenatori, di presidenti, ma si dimenticano tutti del vero protagonista del gioco del calcio: il pallone. Per cui un giorno ho deciso di dargli il giusto risalto» . Metti insieme, in un’antica selleria di una cittadina di provincia, sentimenti e fantasia, un attempato e ruvido ex calciatore, una promessa del calcio e il sempre presente Pallone. Un pallone di quelli antichi, con la stringa che quando colpivi di testa  ti restava un bozzo in fronte. Ma lui è davvero speciale: comunica con gli uomini, solo con alcuni, ben scelti.  «Comunica con gli umani grazie al budello,  al beccuccio che quei palloni di una volta  avevano. Uscendo il fiato, ha imparato a comunicare, non semplicemente a parlare». Assieme al pallone ci sono due protagonisti: Fede e Vale. Valentino è un vecchio ex giocatore  settantenne che ha avuto in incidente calcistico a vent’anni ma che soprattutto ha perso moglie e figlia in un incidente stradale e  per questo da trent’anni si trascina  fra rancori e rabbia. Federico è una giovane promessa del gioco del calcio  che un giorno si reca nel negozio di articoli sportivi  di Valentino perché deve fare una ricerca per la scuola. 

Comincia  così un’amicizia a tre, perché nel frattempo Valentino ha scoperto che il pallone da calcio trovato in soffitta  spiega i valori del calcio.  Naturalmente Valentino rimane molto sorpreso e alla fine dopo essersi aperto, essersi raccontato con il pallone    lo mette alla prova mettendolo a confronto con il bambino. E lì nasce la storia a tre. E una riflessione sui valori del calcio.  «Importante nel libro è la figura  della mamma  di Federico, che gli raccomanda sempre  di essere umile, di divertirsi, di allenarsi sempre per migliorare». E coerentemente, vuole che il ragazzo cresca ancora un po’ anche come persona prima di comunicargli  di essere stato selezionato dall’Inter e che il contratto è già firmato.  «È cambiata la nostra società», spiega Caccialanza, «diciamo che a discapito della passione  oggi conta soprattutto il dio danaro per cui tutto viene visto un quest’ottica». Grazie ai consigli del Pallone e all’amicizia con Vale, il vecchio Fede farà la pace con se stesso e ritroverà la passione per  il suo vecchio amore: il pallone, appunto. Una bella fiaba, anche per adulti.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400